Tag Archives: Digital Devide

E-goverment, diffamazione a mezzo internet, computer forensics e pirateria informatica a Novembre 2009

 il Ministro per la Pubblica Amministrazione Renato Brunetta ha promesso prima 2Mbps entro un anno a tutta la popolazione e poi ha rilanciato fino a 20 Mbps è scuramente questo il collo di bottiglia per l’affermazione del’e-government?
http://business.webnews.it/news/leggi/11784/renato-brunetta-obiettivo-20mbps/
http://www.oneadsl.it/03/11/2009/brunetta-rilancia-20-mega-di-banda-per-tutti

Per la diffusione dell’e-government oltre al problema infrastrutturale è necessario operare nel cosiddetto digital devide culturale catalizzando il processo di maturità del cittadino, degli enti stessi e della società moderna nell’adeguamento tecnologico.
Infrastruttura quindi o formazione?

Mentre in Francia lo scorso 28 ottobre, identificata con il numero 1311, la famigerata legge HADOPI è stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale della repubblica francese ed una delle più temute minacce per la libertà della Rete dell’ultimo anno si è così trasformata in realtà ( http://punto-informatico.it/2741016/PI/Commenti/hadopi-governo-avvisato-mezzo-salvato.aspx ) in italia finalmente una dichiarazione importante: ” La Pirateria Digitale Multimediale è una semplificazione giornalistica riduttiva dei veri termini del problema: la rete succede a tutti i media del ventesimo secolo, TV compresa”  reperita all’interno di un contributo – che riprenderemo a proposito di Open source – del Capo di Gabinetto del Ministro della Gioventù Luigi Bobbio

caine05

Nel campo della computer forensics viene rilasciata la versione 1.0 della distro CAINE basata su ubuntu. In realtà in un mondo linux ed open source assolutamente estero fa piacere che il sole24ore titoli: “Un progetto italiano per la Computer Forensic” (http://www.b2b24.ilsole24ore.com/articoli/0,1254,24_ART_103239,00.html?lw=24;5)

Abbiamo provato ad installare la versione precedente CAINE 0.5 su macchine ritenute obsolete ma funzionali allo scopo. Ora proveremo la nuova versione.

Viviane Reding, commissario europeo incaricato della società dell’informazione e dei media, ha risposto all’interrogazione parlamentare presentata dall’eurodeputato Tiziano Motti sulla “diffamazione a mezzo Internet”, circa un mese fa dicendo che la Commissione europea si è detta disposta a discutere, con tutti i soggetti interessati, ogni possibile miglioramento della normativa attualmente vigente allo scopo di adeguarla al cambiamento tecnologico e alle nuove dinamiche sociali.

La legislazione europea, in effetti, tutela la libertà di espressione e la privacy di chi esprime opinioni nei forum e nei post di internet, ma demanda agli ordinamenti nazionali la problematica e la tutela dei “soggetti passivi”, cioè chi è oggetto di commenti ingiuriosi, di insulti e diffamazioni spesso perpetrati dietro un nickname che assicura l’anonimato.
http://www.pubblicaamministrazione.net/leggi-e-norme/news/2067/diffamazione-su-internet-lue-risponde.html

CONFINDUSTRIA SERVIZI INNOVATIVI E TECNOLOGICI PRESENTA Il RAPPORTO 2009 DELL’OSSERVATORIO ITALIA DIGITALE 2.0

Comunicato stampa del 28 settembre 2009
http://www.confindustriasi.it

Il Rapporto, realizzato in collaborazione con il Dipartimento per la digitalizzazione della Pubblica amministrazione e l’innovazione tecnologica ha evidenziato alcuni aspetti salienti:

LA RETE È “ABITATA” DA MENO DEL 50% DEGLI ITALIANI

  • Solo il 47% della popolazione tra 15 e 74 anni (21,6 milioni nel 2008) accede tramite internet ai servizi disponibili on-line;
  • 1/3 delle aziende continua a non essere in rete, e tra le microimprese il tasso sale al 43%. La diffusione di piattaforme ICT di base (PC, banda larga, sito web, software) nella fascia di imprese sopra i 50 dipendenti vede l’Italia sostanzialmente allineata rispetto alla media dei 27 paesi UE;
    In generale l’innovazione digitale è ancora poco associata alla possibilità di sviluppare il business;
  • Collegamenti in mobilità: nella seconda metà del 2008 gli utenti connessi sono stati 6 milioni di individui, ovvero il 28% degli utenti internet a fine anno. L’utilizzo di internet mobile appare essere segmentato in due cluster principali: business users (imprenditori e dirigenti) e giovani (studenti).

Continue Reading