Category Archives: Cad Codice Di Amministrazione Digitale

Introduzione al Processo Civile Telematico: gli strumenti essenziali

avvsalomone

di Avv. Fabio SALOMONE del Foro di Matera, Socio fondatore Centro Studi Processo Telematico.

GLI STRUMENTI ESSENZIALI

Come detto nel precedente articolo, le comunicazioni tra professionisti e Uffici giudiziari dovranno (devono, in alcuni casi) effettuarsi esclusivamente in via telematica.
Prima di entrare nel merito delle singole questioni, cominciamo ad avvicinarci a questa materia, facendo una veloce disamina degli strumenti minimi che occorrono per utilizzare il Processo Telematico, riservandoci di approfondire, in seguito, molte questioni che necessitano, da sole, di una trattazione specifica. Continue Reading

Introduzione al Processo Civile Telematico (PCT)

avv Salomone ed il PCTdi Avv. Fabio SALOMONE del Foro di Matera, Socio fondatore Centro Studi Processo Telematico.

Il Processo Civile Telematico, ma sarebbe meglio parlare oggi genericamente di “Processo Telematico” vista l’estensibilità delle fasi telematiche anche al processo tributario, amministrativo, contabile, ecc., nasce dalla necessità di ridurre i tempi ma soprattutto i costi della giustizia, di migliorare le tradizionali modalità operative dei professionisti e degli addetti ai lavori, non soltanto quindi degli studi professionali, ma delle stesse Cancellerie, attraverso l’utilizzo di tecnologie informatiche complesse, per tentare, se non di eliminare, almeno di ridurre le disfunzioni del sistema Giustizia ed è stato introdotto nel nostro sistema legislativo con il DPR 13 febbraio 2001 n. 123. Continue Reading

Agenda digitale: speriamo venga attuata secondo criterio!

Rapporti PA cittadini alla luce della recente Agenda digitaleDa oggi, se alle parole identità, PA, istruzione, sanità, divario, giustizia e pagamenti non si aggiungerà la parola digitale, non si intenderà  dire, ormai, più niente.

L’agenda digitale italiana (eGovernment – innovazione digitale nella PA) approvata dal Consiglio dei Ministri prevede per tutti gli Enti della Pubblica Amministrazione l’obbligo di consentire pagamenti elettronici, e quindi soprattutto a distanza, anche soltanto mediante la pubblicazione sui propri siti web istituzionali e sulle richieste di pagamento degli estremi e modalità di pagamento e del codice IBAN del conto corrente.
Questo significa che, anche per la convenienza dell’operazione, ogni interlocutore della PA dovrà dotato di un conto corrente on line sicuramente in grado di effettuare pagamenti ed incassi operazioni meno costose e indubbiamente più veloci.

Open Sorce e P.A.: finalmente ma ci riusciranno gli Enti Pubblici da soli?

In sede di conversione del c.d. Decreto Sviluppo, un emendamento riproposto sull’utilizzo dell’open source nella pubblica amministrazione è entrato a far parte della legge di conversione (L. 134/2012), in modo da modificare radicalmente il primo comma dell’articolo 68 del codice di amministrazione digitale che quindi diventa:

1. Le pubbliche amministrazioni acquisiscono programmi informatici o parti di essi a seguito di una valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico tra le seguenti soluzioni disponibili sul mercato:

a) software sviluppato per conto della pubblica amministrazione;
b) riutilizzo di software o parti di esso sviluppati per conto della pubblica amministrazione;
c) software libero o a codice sorgente aperto;
d) software combinazione delle precedenti soluzioni. Continue Reading